Il culto anti-umanità del PCC

La Laogai Research Foundation Italia Onlus: “L’altra Cina: in ricordo di Harry Wu” ripropone un articolo scritto dal suo direttore responsabile nel 2013 “Il culto anti-umanità del PCC”, ancora oggi attuale.

I RAPPORTI FINANZIARI, intensi, dell’Occidente e non solo, stanno favorendo, la capacità del PCC di controllare non solo la Cina ma, di sostenere, investire in tutti i territori vicini ad essa e in quei regimi che alle sue dipendenze, le gravitano intorno e violano i diritti umani.

Politicamente il regime cinese protegge quei regimi dispotici che fanno parte delle Nazioni Unite e in altri contesti internazionali. Li aiuta a stabilire il controllo su tutto, ostacola quelle iniziative internazionali volte a imporre sanzioni contro di esse. I regimi appoggiati e sostenuti dal PCC, in cambio, permettono alla Cina l’utilizzo delle loro risorse naturali e lo difendono all’interno della Commissione dei Diritti Umani delle Nazioni Unite.

Secondo Amnesty International , la Cina esporta armi che vengono utilizzate in conflitti e abusi dei diritti umani. Il PCC è a tutti gli effetti un CULTO ANTI-UMANITA’. Questo culto anti-umanità mi riporta alla mente quello della Germania nazista di Hitler e dell’Unione Sovietica di Stalin. Osservando il panorama mondiale il PCC promette di dare e in cambio cosa vuole? LA COSCIENZA DELLE PERSONE, i suoi intenti sono quelli di far distogliere l’attenzione dai suoi orribili crimini.

Il PCC ha un’arma più terribile e più potente di quelle utilizzate da Hitler e Stalin: “ L’ARMA DELL’AVIDITA’ UMANA”. Quel desiderio insaziabile, quella brama dell’uomo di volere sempre di più e di non accontentarsi mai. Non importa quali armi sofisticate questo o quel paese possano sviluppare, fino a quando non ci sarà un risveglio della coscienza umana non potrà esserci nessun tipo di difesa dall’attacco furioso dell’avidità umana e della questione globale del PCC contro la coscienza. L’indifferenza, il voltarsi da un’altra parte, di fronte a questi crimini così gravi ci mette nelle condizioni di essere colpevoli come e quanto di chi commette queste atrocità.

Gandhi affermò: “…. Il silenzio diventa vigliaccheria quando la situazione impone di dire forte e chiara tutta la verità e di agire di conseguenza.

Mi viene alla mente anche una frase che citò Edmon Burke: “ Ciò che è necessario perché il male trionfi è che gli uomini buoni non facciano nulla”…..

Gianni Taeshin Da Valle,5/05/2013

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.