Cina, Hu Jia compie gli anni in prigione

Hu Jia, giornalista, scrittore, uno dei più importanti militanti cinesi dei diritti dell’uomo, ha compiuto il suo 36mo compleanno nella cella della prigione di Pechino. Sua moglie,  Zeng Jinyan e la loro figlia, hanno potuto fargli visita il 21 luglio. “E’ ancora molto magro, ma il morale è forte”, ha dichiarato Zeng Jinyan dopo la visita e sul suo blog, uno dei più famosi al mondo, ha pubblicato una poesia che si riferisce al loro colloquio mensile in carcere e che inizia così: “Ogni giorno aggiungo un minuto. Ogni mese noi ci vediamo mezz’ora”. Hu Jia è stato condannato il 3 aprile 2008 a tre anni e mezzo di prigione per aver pubblicato degli articoli e delle petizioni a favore del rispetto dei diritti umani in Cina. Hu Jia ha una malattia al fegato e non riceve in carcere nessuna cura adeguata. Nel 2008 il Parlamento europeo gli ha assegnato il Premio Sakharov per la libertà di pensiero.

fonte: R.S.F.

Hu Jia

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.