CINA-Guiyu, la città dei rifiuti informatici. Un problema che non ci riguarda? [video, Yann Arthus-Bertrand]

Pochi di noi si domandano dove vadano a finire i cellulari, le tv e altri apparecchi che buttiamo via. Eppure lo smaltimento dei rifiuti elettronici è un problema serio che dovrebbe attirare la nostra attenzione.

In un appello pubblicato su Nature da Zhaohua Wang eBin Zhang del Center for Energy and Environmental Policy Research, a Pechino, viene segnalata la necessità di una cooperazione internazionale che regoli il riversamento di rifiuti elettronici dai paesi ricchi a quelli poveri.

Nel mondo, la produzione di ogni tipo di rifiuti elettronici cresce vertiginosamente. La quantità di computer, telefonini, televisioni e altri apparecchi gettati nel cassonetto è raddoppiata dal 2009 al 2014, arrivando a 42 milioni di tonnellate di rifiuti in un anno. I paesi industrializzati, soprattutto Europa e Nord America, sono i principali responsabili con 11.6 e 11.7 milioni di tonnellate prodotte nel 2014. Gli Stati Uniti sono in cima alla classifica, seguiti dalla Cina, che comunque è anche il primo importatore con il 70% di apparecchi processati e riciclati nel 2012. Dopo la Cina, il resto della spazzatura tecnologica viene scaricata nei paesi in via di sviluppo, dove la regolamentazione in materia di sicurezza è quasi inesistente. È il caso dell’India e di altri paesi dell’Asia e dell’Africa, come la Nigeria.

Buona parte degli apparecchi hanno sia componenti tossici che non tossici. I secondi includono ferro, acciaio, oro e rame: sono i più riciclati sia per la loro sicurezza che per l’utilizzo pratico. Purtroppo gli impianti di smaltimento rilasciano nell’aria i materiali tossici, molecole organiche e metalli pesanti che inquinano l’ambiente e danneggiano la salute. “Dalle analisi del sangue dei bambini che abitano nella città-discarica di Guiyu in Cina”, scrivono Wang e Zhang, “i livelli delle sostanze tossiche sono tre volte più alti del limite raccomandato dal Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie (Stati Uniti)”.

Alla luce di questa situazione gli autori dell’appello chiedono con urgenza: un protocollo internazionale sui rifiuti elettronici, un apposito fondo per lo smistamento, una solida legislazione internazionale sull’import e l’export. Infine – avvertono – è necessario uno sforzo collettivo per aumentare la consapevolezza tra i consumatori.

Galileo.net,19 ago 2016

English version,Environmental Justice  Williams College Spring 2016:

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.