Cina: esplode una fabbrica di fuochi d’artificio, 19 morti

Una forte esplosione in una fabbrica di fuochi d’artificio nel nord est della Cina ha provocato 19 morti e piu’ di 150 feriti.

L’esplosione, avvenuta ieri mattina, ha frantumato le finestre degli edifici che si trovano a un chilometro di distanza dall’impianto, nei pressi della citta’ di Yichun, nella provincia di Heilongjiang. A riferirlo l’agenzia Xinhua. Le onde d’urto dell’esplosione sono state avvertite anche a una distanza di 5 chilometri. ”Credevamo che fosse un terremoto perche’ l’edificio tremava e le lampade e gli orologi cadevano”, ha detto un impiegato di una vicina fabbrica di mobili al quotidiano China Daily. Dei 150 feriti, piu’ di 20 si trovano in ospedale. Al momento dell’esplosione, molti operai si trovavano all’interno della fabbrica nel settore imballaggi. Piu’ di 2.000 residenti sono stati evacuati, mentre 550 vigili del fuoco e soldati hanno spento l’incendio. Centinaia di soccorritori sono stati inviati alla fabbrica per la ricerca dei superstiti.

Fonte: Asca, 17 agosto 2010

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.