Discriminazione di genere nei confronti delle donne negli annunci di lavoro

Nel nuovo rapporto di Human Rights Watch si legge che il governo cinese, i privati e le imprese cinesi dovrebbero porre fine al loro uso diffuso di genere discriminatorio negli annunci di lavoro. Le autorità cinesi applicano raramente i divieti legali contro la discriminazione di genere nell’occupazione e nella pubblicità.

Sophie Richardson, direttore cinese presso Human Rights Watch ha dichiarato: “quasi un annuncio pubblicitario su cinque per il servizio civile nazionale del 2018 richiedeva solo uomini, mentre le grandi compagnie come Alibaba hanno pubblicato annunci di assunzione promettendo lavoro solo ed esclusivamente a “belle ragazze”. Le autorità cinesi devono agire ora per far rispettare le leggi esistenti per porre fine alle pratiche di assunzione governative e private che discriminano palesemente le donne”.

Nel rapporto di 99 pagine, ” solo gli uomini devono candidarsi”: la discriminazione di genere negli annunci di lavoro in Cina,   viene detto che sono stati analizzati  oltre 36.000 annunci di lavoro pubblicati tra il 2013 e il 2018 su siti web, società cinesi e piattaforme di social media. Molti annunci specificano un requisito o una preferenza per gli uomini.

Alcuni posti di lavoro richiedono che le donne abbiano determinate caratteristiche fisiche – rispetto all’altezza, al peso, alla voce o alle caratteristiche del volto – che sono irrilevanti rispetto alle mansioni lavorative. Altri usano gli attributi fisici delle attuali dipendenti femminili delle aziende per attrarre candidati di sesso maschile.

Human Rights Watch ha rilevato che nell’elenco dei posti di lavoro governativi del 2017, il 13% dei posti di lavoro indicava “solo uomini”, “favoriti gli uomini” o “adatto agli uomini”. Ad esempio, l’incarico per una posizione presso il Ministero del dipartimento di pubblica sicurezza si leggeva: “sono necessari ritmi di lavoro elevati, lavoro ad alta intensità, adatto a solo uomini”. Nella lista di lavoro del servizio civile nazionale del 2018, il 19% ha specificato un requisito o una preferenza per gli uomini. Nel 2017 al contrario, nessuno ha specificato “solo donne”,  “adatto alle donne”. Nell’elenco 2018 solo uno ha specificato una preferenza per le donne.

Anche le società private cinesi, inclusi alcuni giganti della tecnologia, hanno utilizzato annunci di genere.

Ad esempio, il gigante Baidu dei motori di ricerca, nel mese di marzo 2017  ha pubblicato un annuncio di lavoro in cui si cerca un “revisore dei contenuti” dove veniva specificato che i candidati dovevano essere “uomini” e possedere “una forte capacità di lavorare sotto pressione, in grado di lavorare durante i fine settimana, le vacanze ed i  turni di notte”. Nel gennaio 2018 Alibaba in un annuncio per “due posizioni di specialista del supporto operativo”, ha dichiarato che “erano preferiti solo uomini”.

Questi annunci di lavoro riflettono opinioni profondamente discriminatorie sulle donne che sono considerate inferiori dal punto di vista intellettuale, fisico e psicologico rispetto agli uomini e che non sono in grado di impegnarsi completamente nel loro lavoro perché alcune alla fine lasceranno le loro posizioni per avere una famiglia.

In Cina l’oggettivazione sessuale delle donne è anche comune nella pubblicità. Molti annunci specificano requisiti fisici irrilevanti. Ad esempio, un avviso pubblicato sul sito web di annunci di lavoro Zhilian Zhaopin per il settore dell’abbigliamento a Pechino dice: “diploma di scuola superiore o superiore, donna, 18-30 anni, altezza 163 cm o superiore, esteticamente gradevole.”

Un annuncio per macchinisti ferroviari nella provincia di Shaanxi riportava: “cercasi macchinisti ferroviari per treni ad alta velocità, alla moda e di bella presenza”.

Alcuni annunci di lavoro utilizzano gli attributi fisici delle donne per attrarre candidati di sesso maschile.

Negli ultimi anni, Alibaba ha pubblicato ripetutamente annunci di reclutamento sostenendo che ci sono “belle ragazze” o “dee” che lavorano per la compagnia.

Un dipendente della Tencent, ha dichiarato: “il motivo per cui sono entrato a far parte di Tencent  è nato da una motivazione primitiva. Principalmente perché le signore delle risorse umane e quelle che mi hanno intervistato erano molto carine”.

“Gli annunci di lavoro sessisti fanno riferimento agli stereotipi antiquati che persistono nelle aziende cinesi”, ha affermato Richardson. “Queste aziende sono orgogliose di essere forze trainanti della modernità e del progresso, eppure ricorrono a strategie di reclutamento di questo tipo, il che dimostra quanto profondamente è radicata la discriminazione contro le donne in Cina”.

Il diritto del lavoro in Cina e altre leggi e regolamenti vietano la discriminazione di genere nel mondo del lavoro e la legge sulla pubblicità vieta la discriminazione di genere nella pubblicità. Tuttavia, le leggi mancano di una chiara definizione di ciò che costituisce una discriminazione di genere e forniscono pochi efficaci meccanismi di applicazione. Le principali agenzie di controllo – uffici locali  risorse umane e sicurezza sociale e uffici dell’industria e del commercio – indagano raramente in modo efficace sulle società che violano le leggi pertinenti e le loro risposte alle denunce presentate da attivisti per i diritti delle donne sono molto superficiali e incoerenti. Spesso, gli uffici hanno ordinato alle società indagate di rimuovere o modificare gli annunci. In rare occasioni, le società sono state multate.

Nel 2013, il laureato Guo Jing ha citato in giudizio una scuola di cucina nella provincia di Zhejiang che ha pubblicato un annuncio per una posizione per soli uomini. La corte ha sentenziato che la scuola ha violato i diritti sulla parità di impiego e gli ha ordinato di risarcire per danni  per un totale di 2.000 yuan (US $ 300) .

Si ritiene che questa sia stata la prima volta che una persona in cerca di lavoro ha vinto un caso di discriminazione di genere.

La profonda ostilità del governo cinese nei confronti dell’attivismo dei diritti e delle restrizioni alla libertà di espressione ha seriamente ostacolato gli sforzi degli attivisti per i diritti delle donne contro la discriminazione di genere nel mondo del lavoro.

Negli ultimi anni i più importanti attivisti per i diritti delle donne hanno subito vessazioni da parte della polizia, intimidazioni e sgomberi forzati negli ultimi anni. Gli account dei social che sostengono i diritti delle donne sono stati ripetutamente imbavagliati.

Richardson continua: “invece di molestare e imprigionare attivisti per i diritti delle donne, il governo cinese dovrebbe coinvolgerli come alleati nella lotta alla discriminazione di genere nel mercato del lavoro – e oltre”.

Traduzione Laogai Research Foundation Italia Onlus


Fonte: Human Rights Watch, 23/04/2018

English article, HRW: China: Job Ads Discriminate Against Women

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.