Cina, cresce l’inflazione: problemi in vista per il governo

L’ inflazione accelera in Cina, è cresciuta fino a raggiungere un tasso più alto del previsto. L’aumento registrato in febbraio è del 2,7% dei prezzi al consumo, secondo i dati diffuso oggi dall’Istituto nazionale di Statistica di Pechino.

L’accelerazione rispetto a gennaio – quando il tasso di crescita è stato dell’1,5% – ha rafforzato i timori di un ’surriscaldamento’ dell’economia, al quale hanno contribuito nei mesi scorsi i massicci interventi statali in funzione anti-crisi. Inoltre, il paniere sul quale vengono calcolati i prezzi non comprende il settore immobiliare, nel quale l’inflazione è cresciuta in febbraio del 10,7%, sempre secondo i dati ufficiali. «Ci sono dei segnali che indicano come la pressione dei prezzi stia montando in Cina prima del previsto e questa sarà una preoccupazione per il governo», ha commentato Tom Orlik dello studio di ricerche Stone&McCarthy di Pechino. Gli analisti sottolineano che la decisa crescita del prezzi all’ingrosso, il 5,4% in febbraio, potrebbe preludere ad un’accelerazione della crescita dei prezzi al consumo nei prossimi mesi.

Fonte: Blitz Quotidiano, 11 marzo 2010

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.