Amnesty: “Migliaia di esecuzioni capitali segrete in Cina”

La reale dimensione dell’uso della pena di morte nel Paese asiatico è sconosciuta perché i dati relativi sono nascosti dallo Stato.

Agenpress – Secondo il rapporto annuale di  Amnesty International sulla pena di morte nel mondo, la Cina nel 2017 è lo Stato dove si eseguono la maggior parte delle condanne a morte.

Amnesty sottolineache la reale dimensione dell’uso della pena capitale nel Paese asiatico è sconosciuta, poiché i dati relativi sono considerati segreto di Stato. Pertanto, il totale di 993 esecuzioni registrate nel mondo dall’organizzazione nel 2017 e riportate nel rapporto annuale sulla pena di morte “non comprende le migliaia che si ritiene abbiano avuto luogo in Cina”.

Amnesty “ha monitorato l’uso della pena di morte nel corso dell’anno, così come le sentenze giudiziarie inserite nel database nazionale pubblico, il China Judgements Online della Corte suprema del popolo”, si legge nel rapporto. “Ancora una volta, Amnesty International ritiene che la Cina sia il paese che esegue la maggior parte delle sentenze capitali nel mondo, mettendo a morte più persone rispetto al resto degli stati mantenitori messi insieme”. L’organizzazione “ha rinnovato la sfida alle autorità cinesi di essere trasparenti e rendere tali informazioni disponibili al pubblico”.

Agenpress,11/04/2018

English article,The Guardian:

China named ‘world’s top executioner’ as global rate falls

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.