Categoria: Censura

Addio Skype in Cina, “non in linea con la legge”

Il ministero della sicurezza di Pechino si è espresso contrario al download di Skype, app che vìola alcuni principi non conformi alle leggi del governo cinese.

Sempre più governi manipolano i social media

Sono sempre più numerosi i governi che seguono le orme di Russia e Cina nel manipolare i social media e reprimere il dissenso on-line, tendenza che rappresenta una grave minaccia per la democrazia; è quanto risulta da uno studio dell’ong Freedom House, “Freedom of the net”. Lo studio, effettuato su 65 Paesi, rileva come una trentina di governi impieghino una qualche forma di manipolazione per distorcere le informazioni on-line, contro i 23 di un’analoga ricerca effettuata l’anno scorso.

Visto negato, Katy Perry non si esibirà allo show di Victoria’s Secret

Le autorità cinesi non hanno permesso alla cantante di entrare nel paese. Katy Perry non potrà partecipare all’annuale sfilata di Victoria’s Secret perché le autorità cinesi le hanno negato il visto per entrare nel loro paese.

CINA – Accademici sotto silenzio: la Nuova era di Xi Jinping

L’università del Guizhou ha cancellato le lezioni del prof. Yang Shaozheng, a cui si consiglia di “tenere la bocca chiusa e non fare alcun tipo di affermazione politica”. Un libro di Clive Hamilton, in Australia, bloccato dalla casa editrice, paurosa di vendette da parte della Cina. Per non “fare la fine dell’Urss”, Xi Jinping si oppone ad ogni critica. I risultati del Congresso del Partito diffusi con conferenze in diverse parti del Paese.

Attivista cinese per i diritti interrogato per aver “insultato il leader nazionale”

La corrispondente Ding Lingjie, che lavora per Livelihood Watch, il sito web di primo piano per i diritti umani cinesi, è tenuta al centro di detenzione di Shijingshan, alla periferia della capitale cinese, dopo essere inizialmente scomparsa dalla città di Zibo Shandong, con il sospetto di aver “insultato un leader nazionale”, settimane dopo la fine di un importante convegno politico a Pechino.

Cina: molestie sessuali e violenze domestiche, Pechino copre le informazioni

Negli ultimi sei mesi del 2017 i divorzi in Cina sono aumentati del 10%. Parliamo di quasi due milioni di coppie. Tra le cause, crescono le molestie sessuali e le violenze domestiche. Smentendo la versione cinese secondo cui la violenza sulle donne sarebbe un problema «occidentale»

I riconoscimenti vocali potrebbero presto diventare un nuovo strumento di vigilanza in Cina

L’Human Rights Watch ha affermato che la Cina sta creando una banca di dati biometrici a livello nazionale per il riconoscimento vocale. Questo nuovo strumento di sorveglianza infrange ulteriormente la già ridotta riservatezza dei cittadini e dovrebbe essere presto operativa.