Categoria: Censura

Pechino, migliaia di arresti tra i portatori di petizioni

Speranza e disperazione di chi cerca giustizia. La repressione da parte delle autorità: arresti, pestaggi e ospedali psichiatrici. Gli attivisti per i diritti umani denunciano: abusi, “sparizioni” e morti sospette nelle “prigioni nere” del governo.

Pechino difende il libero scambio di merci, ma non il libero scambio di idee

Oscurato il sito dell’Unirule Institute of Economics, sostenitore di un’economia di mercato e di riforme economiche nel Paese. La motivazione ufficiale: la mancanza di licenza per pubblicare articoli. Il fondatore dell’istituto, Mao Yushi, ha suscitato critiche per aver giudicato in modo negativo la politica di Mao Zedong e di altri personaggi della storia del Partito.

Pechino rafforza il Great Firewall, illegali le reti internet private

A partire da ieri, le connessioni private avranno bisogno dell’approvazione del governo per poter accedere a internet. Ad oggi il Paese conta più di 730milioni di utenti.

Università del Guangzhou proibisce ai professori di criticare il Partito

La prestigiosa università di Sun Yat-sen ha emesso 10 divieti per i docenti per “migliorare la qualità dell’insegnamento”. I primi tre divieti sono “criticare la costituzione”, “criticare il Partito” e “diffondere religione e superstizione”.

Dopo divieto di viaggio, la Cina blocca i tibetani dal Kalachakra anche su WeChat

Dopo le restrizioni per i tibetani di assistere all’iniziazione di Kalachakra del leader tibetano il Dalai Lama a Bodh Gaya la Cina è ora ricorsa alla cyber-polizia sul wechat, l’applicazione di messaggistica più utilizzato e di proprietà di una società cinese. Un nuovo studio condotto dalla Munk School of Global Affairs, University of Toronto (Canada), mostra che la Cina ha bloccato le parole chiave correlate a Kalachakra, per gli utenti con account registrati con numeri di telefono nella Cina continentale.

Apple rimuove le app per leggere il New York Times in Cina

Imminente scontro tra due titani dell’America liberal: il New York Times e Apple. Il primo ha accusato la società di Cupertino di aver rimosso – obbedendo ad un ordine delle autorità cinesi – le app che consentivano di leggere il New York Times nel Paese. Lo ha rivelato stesso Nyt in un articolo sull’edizione online in cui ricorda che le app erano uno dei pochi sistemi usati per poter leggere gli articoli dopo che nel 2012 Pechino iniziò a bloccare l’accesso al sito www.nytimes.com per la pubblicazione di un’inchiesta sulla ricchezza accumulata dalla famiglia dell’allora premier, Wen Jiabao.

CHRD denuncia la “persecuzione” dell’attivista Chen Yunfei

Arrestato il 25 marzo per aver organizzato una commemorazione delle vittime del massacro di Tienanmen. L’organizzazione di tutela dei diritti umani afferma che l’attivista, imprigionato per aver esercitato il suo diritto alla libertà di espressione, va rilasciato subito.