Censura cinese, il filtro sui pc ci sarà

“Il filtro Green Dam ci sarà, ma in Rete e nel Mondo la polemica non si attenua.”

Il filtro anti-porno sui computers cinesi, molto probabilmente, ci sarà. Pechino, sebbene abbia fatto credere che fosse facoltativo, ha deciso di continuare sulla propria strada, alimentando le polemiche.

Dall’inizio del mese di luglio, quindi, il filtro Green Dam sarà applicato sui computer venduti sul suolo cinese. Il problema, però, è che Green Dam non è in grado di filtrare solo i contenuti osceni per proteggere i minori, ma anche intervenire – potenzialmente – su tutto ciò che non è di gradimento al regime. I siti d’informazione, per esempio.

Come se non bastasse, è stato dimostrato come il software sia stato copiato e non sia sicuro. I computer dei cinesi, insomma, sarebbero alla mercé di chiunque.

Il mondo, però, non sta a guardare e gli Stati Uniti hanno espresso ufficialmente preoccupazione per un’azione “volta a limitare l’accesso a Internet e la libertà di espressione”. I rappresentanti statunitensi si sono detti disponibili a un confronto con le autorità di Pechino, sperando di mediare tra la posizione del Governo e quella degli utenti.

fonte: ICT Business, 23 giugno 2009

Vai all’articolo su ICT Business

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.