Brescia: va dove ti porta il salario. Santoni Spa pronta a trasferire buona parte della produzione in Cina

La decisione sarebbe già presa, i sindacati sul piede di guerra mentre si aspetta almeno il rinnovo del contratto di solidarietà per 300 operai. La società vuole trasferire il 70-80% della produzione in Cina.

Della serie, va dove ti porta il salario (il più conveniente): azienda bresciana si prepara a chiudere i battenti (non del tutto, ma in larga parte) e a trasferire la produzione in Cina, dove è già presente con un altro stabilimento. Questo è quanto riferito dai sindacati di Fiom e Fim, a poche ore dall’incontro (forse decisivo) con la direzione aziendale.

Succede a Brescia, in Via Carlo Fenzi: dove trova posto la fabbrica della Santoni Spa, di proprietà del gruppo Lonati, da più di 60 anni leader nel meccano-tessile ad automazione avanzata. Trattative in corso: ad oggi sono 340 gli operai occupati in loco, ma già in contratto di solidarietà.

Contratto che tra l’altro scade tra una settimana: i sindacati ne chiedono almeno il rinnovo. Così dovrebbe essere, ma con una prima sostanziale riduzione degli operai, oltre il 10% in meno: da 340 occupati a 300.

Trasferimento della produzione: anche questo sarebbe già stato deciso. La società avrebbe intenzione di trasferire la produzione del macchinario più importante direttamente nella sua fabbrica in Cina, lasciando a Brescia solo il 20 o il 30% del lavoro.

Sarebbe un colpo durissimo per gli operai di Sant’Eufemia: prospettive tutt’altro che ottimistiche. Si cerca (e soprattutto si spera) di portare a termine una trattativa positiva: ma la decisione sembra già presa. Il trasferimento dovrebbe andare a regime entro i primi mesi del prossimo anno.

Fonte: Brescia Today, 16 maggio 2017

 

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.