Bambini buttati nell’immondizia: perché no? [video]

E’ divenuta virale l’immagine che mostra un padre che butta la figlioletta nel cassonetto, perché era prematura. Tutti si indignano quando i bambini vengono gettati  nei cassonetti dei rifiuti.

Le immagini sconvolgenti stanno girando sui social, dopo che il quotidiano spagnolo El País le ha diffuse.  La «colpa» della creatura era di essere nata prematura, ad appena otto mesi. Il padre, che vive nella città di Xuanwei, nel sud della Cina, deve aver pensato che i bambini non perfetti si buttano via (soprattutto le bambine, femmine), alla stregua dei rifiuti. Tra l’immondizia, in mezzo agli scarti, a oggetti sporchi e inutili era finita anche la figlioletta e solo l’intervento di un’anziana signora ha salvato la piccina da una sicura morte. I genitori (ma si possono definire tali?) hanno tentato di difendersi dicendo che la bimba era nata con difficoltà, per questo avevano pensato di buttarla via anziché portarla all’ospedale.

I nostri Lettori sanno bene che 70 anni di materialismo comunista, in Cina, ha ridotto il grado di rispetto della dignità umana vicino allo zero assoluto: i soggetti socialmente più deboli (a cominciare dai lavoratori) vanno sopraffatti e sfruttati fino alla morte, se serve. In particolare, negli ultimi 30 anni, l’ideologia materialista e utilitarista rinverdita dalla “apertura al mercato” di Deng Xiao Ping, si è accanita contro i bambini, con la crudele politica del figlio unico che oggi è rimasta tal quale, anche se è relativamente più facile ottenere il permesso di nascita per un secondo figlio.

Ma la Cina è lontana… O no?

Quanti bambini si ritrovano nei rifiuti nel nostro opulento e democratico Occidente?

Le “culle per la vita”, moderne ruote degli esposti, fortemente volute dalla tenacia e dalla santità di Giuseppe Garrone e Mario Paolo Rocchi, sono state istituite appositamente.

Ma perché?

Perché non si possono buttar via gli esseri umani non graditi? Perché sono neonati e strillano? E prima della nascita, invece, se ne può fare disporre a piacimento perché non strillano? E perché non si possono buttar via, se tutto sommato si possono vendere (v. utero in affitto)?

Una persona è una persona perché strilla? O perché “fa” qualcosa in particolare, o perché “è” qualcuno?

Tutti gli esseri umani sono meravigliosamente diversi, uno dall’altro: cosa hanno tutti in comune tutti? Il DNA umano. Che si acquisisce al momento della fecondazione.

Se usiamo un altro elemento, per distinguere chi è persona da chi non lo è,  commettiamo una selezione arbitraria. Oppure ammettiamo che “qualcuno” ha il potere di decidere chi è persona e chi no?  

E se possiamo buttar via l’essere umano concepito, non vedo perché non possiamo buttar via quelli più grandi, che sono anche più ingombranti.

Francesca Romana Poleggi,22/01/2018

English news,Daily Mail:

Chilling moment man throws his baby daughter into a dumpster because she is ‘too ill’… only for a stranger to find the child and save her

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.