Autorità dello Xinjiang imprigionano “estremista religioso” uiguro per aver rimproverato il figlio che beveva

Le autorità della provincia nord-occidentale cinese dello Xinjiang hanno condannato a 10 anni di prigione per “estremismo religioso” un sessantasettenne musulmano di etnia uigura, per aver rimproverato suo figlio perché aveva violato la legge islamica bevendo l’alcool, ha raccontato la moglie dell’uomo.

Tursun Memet è stato arrestato il 18 maggio dalla polizia presso la città di Ghulja (Yining) della prefettura autonoma di Ili Kazakh (in cinese Yili Hasake), 13 anni dopo aver ammonito suo figlio Memet Imin Tursun per aver bevuto durante l’addio al celibato, ha recentemente raccontato al servizio uiguro di RFA sua moglie Heyrinsa Qasim.

Anche i tre figli di Memet, incluso quello che aveva bevuto l’alcool, sono stati arrestati dalle autorità del quarto distretto del villaggio di Egus di Yengiyer per l’incidente tra febbraio e giugno di quest’anno.

Memet è stato condannato alla prigione n. 1 presso Urumqi, capitale dello Xinjiang, a settembre per “estremismo religioso”, mentre il figlio, che era stato rimproverato, è stato inviato in un campo di riqualificazione politica, ha aggiunto. Gli altri due figli sono stati anche imprigionati, sebbene non siano immediatamente chiare le ragioni e le circostanze.

Gli ufficiali della stazione di polizia di Yengiyer e i funzionari locali del villaggio di Egus non hanno voluto commentare sul motivo della reclusione di Memet quando contattati da RFA, ma non hanno negato che fosse stato imprigionato nella prigione di Urumqi No. 1. Un funzionario di Egus ha confermato che Tursun è attualmente in carcere in un campo di rieducazione.

Qasim ha detto a RFA che è stata informata che il marito aveva ricevuto una pena di dieci anni per i commenti che aveva fatto al figlio dopo una notte passata a bere.

“[Nel 2004] mio figlio uscì con uno dei suoi amici e bevve alcool, e il giorno dopo mio marito gli disse:” Ti stai per sposare… avresti dovuto bere piscio d’asino invece che alcool”.

“Questo è successo più di 10 anni fa!”

Secondo Qasim, Memet è stato condannato “perché ha cercato di fermare il figlio dal bere alcool”, notando che Tursun aveva finito comunque per bere durante il giorno delle nozze.

La moglie ha chiesto perché il marito, la cui sola attività religiosa consisteva nel pregare cinque volte al giorno e astenersi dall’alcool – secondo l’usanza islamica – e che non si era mai trovato in difficoltà con la legge, era stato etichettato quale “estremista”.

Dopo che Memet è stato condannato, ha detto che la segretaria del Partito Comunista distrettuale ha visitato la sua casa e l’ha avvertita di non “prendersela”, dicendo che suo marito e i suoi figli “torneranno a casa un giorno”.

La segretaria dice che Memet “non avrebbe dovuto dire quello che disse” 13 anni fa e che non aveva “educato correttamente i figli”, perché cercando di impedire loro di bere alcool li aveva fatti diventare “estremisti religiosi”.

“All’epoca come poteva sapere che questo sarebbe stato il risultato?”

Qasim si chiede come sia possibile che l’incidente sia venuto alla luce così tanto tempo dopo l’accaduto.

“Sono passati più di 10 anni… non sono sicura se [quello che ha detto] sia stato registrato su carta al momento o se qualcuno lo ha ricordato e lo ha riportato [recentemente],” ha detto.

Altre famiglie della zona sono state recentemente prese di mira per aver impedito ai propri figli di bere alcolici, ha aggiunto, senza fornire dettagli.

Repressione diffusa

Da aprile, migliaia di uiguri sono stati accusati di avere opinioni “estremiste” e “politicamente scorrette” e sono state imprigionati in campi e prigioni di rieducazione politica in tutto lo Xinjiang, dove i membri del gruppo etnico si lamentano di una diffusa discriminazione, di repressione religiosa e di soppressione culturale sotto il regime cinese.

Le autorità si sono basate su un elenco diffuso all’inizio di quest’anno di “75 segni di estremismo religioso” che serve a imprigionare gli uiguri; l’ennesima mossa in mezzo a una serie di politiche aggressive, adottate da quando il Partito Comunista ha nominato Chen Quanguo per gestire la regione ad agosto 2016, e che attaccano i loro diritti legittimi e le loro libertà.

Tra i segni d’estremismo dell’elenco vi sono: “condurre le attività come al solito” e “donne che indossano abiti religiosi al lavoro” durante il mese sacro islamico del Ramadan, “immagazzinare o acquistare grandi quantità di cibo per la casa”, “agire in maniera insolita” e “pregare in gruppi in pubblico al di fuori delle moschee”.

Ma i funzionari hanno recentemente comunicato a RFA che sono stati notificati ad aprile di diversi nuovi “segni di estremismo” che il personale di sicurezza dovrebbe cercare di individuare negli uiguri, e capire se sono a rischio di diventare islamici “radicali”: da monitorare anche le posture mentre prega, il colore dei i loro capelli, e anche come indossano l’orologio.

Da quando il capo del partito dello Xinjiang, Chen Quanguo, è stato nominato ad agosto dello scorso anno, ha avviato diverse politiche dure contro la libertà religiosa nella regione.

La Cina svolge regolarmente campagne di “pugno di ferro” in Xinjiang, tra cui incursioni di polizia contro le famiglie uigure, restrizioni alle pratiche islamiche e repressioni della cultura e della lingua uigura.

Mentre la Cina accusa alcuni uiguri di attacchi “terroristici”, gli esperti al di fuori della Cina dicono che Pechino esagera la minaccia uigura e che le politiche nazionali repressive sono responsabili di un aumento della violenza che ha provocato centinaia di morti dal 2009.

Traduzione di Andrea Sinnove


Fonte: RFA, 8 novembre 2017

English article: RFA, Xinjiang Authorities Jail Uyghur ‘Religious Extremist’ For Scolding Son For Drinking

 

 

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.