Artista americano detenuto in Cina

Un americano che stava preparando una performance artistica a Pechino utilizzando un proiettore laser con il quale avrebbe composto la scritta “Free Tibet” contro un edificio della città è stato arrestato e ancora detenuto dalle autorità cinesi. Si tratta di James Powderly co-fondatore del Graffiti Research Lab di New York che aveva organizzato la contestazione insieme a Students for a Free Tibet, organizzazione protagonista delle proteste più clamorose di queste Olimpiadi

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.