Arresti a Trento per falsi permessi a cinesi

Una banda di italiani e cinesi procurava contratti di lavoro fasulli per far ottenere permessi di soggiorno a clandestini cinesi in Italia approfittando della possibilita’ di regolarizzare gli extracomunitari nel settore dell’assistenza familiare dietro la richiesta di ingenti somme di denaro. In manette sono finite 9 persone arrestate dalla Polizia di Trento per i reati in concorso di favoreggiamento alla permanenza di soggetti clandestini e falso. La banda contattava datori di lavoro italiani che, per una somma che variava dai 2000 ai 4000 euro, predisponevano contratti falsi per badanti. I cinesi clandestini a loro volta dovevano pagare dai 10.000 ai 15.000 euro per ottenere un contratto fasullo con il quale fare la sanatoria. Sono state effettuate numerose perquisizioni in tutto il Trentino. I dettagli dell’operazione saranno resi noti in una conferenza stampa prevista alle ore 11.00 in questura a Trento.

Fonte: ADN, 31 marzo 2010

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.