Arrestati funzionari del governo: Pechino impotente verso la corruzione

La crescita economica ha avvantaggiato proprio politici e imprenditori corrotti. E’ l’opinione di esperti, di fronte ai continui casi di corruzione grave. Arrestata una ex parlamentare e tedofora, imprenditrice “modello”. Come pure il secondo uomo più ricco del Paese.  La Cina non riesce a stroncare l’endemica corruzione di politici e imprenditori (cariche che spesso coincidono), che stima le “costi” l’equivalente del 3% del Prodotto interno lordo annuo. Chang Wu-ueh, professore all’Università Tamkang di Taipei, dice che Pechino “sa bene che i maggiori beneficiari del suo progresso economico sono i funzionari di governo”.Per sottrazione di fondi è stata arrestata Xie Bing, presidentessa del Sichuan Hantang Corp., lodata più volte come imprenditrice modello e stella politica nascente. Xie, di umili origini, è diventata membro dell’Assemblea nazionale del popolo (da cui è stata espulsa il 28 ottobre) ed è stata tra i tedofori cinesi. E’ accusata di avere sottratto centinaia di milioni di yuan di fondi pubblici e di essersi appropriata del denaro raccolto da piccoli investitori promettendo alti interessi. Suo marito è stato arrestato ad agosto.Articolo ripreso da Asia News

Alcuni giorni fa è stato arrestato Huang Guangyu (nella foto), secondo uomo più ricco della Cina con un patrimonio stimato di 18,4 miliardi di yuan (circa 1,84 miliardi di euro), per speculazioni illecite e manipolazione di prezzi nel mercato azionario. Partito con un piccolo negozio, è titolare della Gome Electrical Appliances Holding, leader nella vendita di materiale elettronico con oltre 1.200 negozi e 200mila dipendenti e ricavi nel 2007 per 6 miliardi di dollari.

A giugno Pechino ha annunciato tolleranza zero sulla corruzione, ammonendo che occorre sradicarla per “la popolarità e la sopravvivenza del Partito comunista”. Ma continuano a emergere gravi casi: la scorsa settimana 2 ex dirigenti del Pc di Chenzhou sono stati condannati a morte per corruzione. Ieri Pechino ha annunciato controlli ancora maggiori sull’utilizzo dei fondi pubblici.

Si parla di corruzione anche per il crollo 2 settimane fa di un tunnel della metropolitana in costruzione a Hangzhou (Zhejiang), che ha ucciso 21 operai. Ora il sindaco Cai Qi ha ordinato seri controlli sui progetti di tutta la metropolitana.

(Fonte : Asia News)

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.