Apple, l’iPhone X assemblato da studenti cinesi forzati a lavorare 11 ore al giorno

I ragazzi, secondo il Financial Times, sarebbero stati costretti a un periodo di «esperienza lavorativa» a Foxconn, l’azienda che assembla i dispositivi Apple in Cina, obbligatoria per poter ottenere il diploma. Le società dichiarano di prendere provvedimenti ma assicurano: «È stata una scelta volontaria»

Che la produzione di iPhone X fosse in ritardo si sospetta da molti mesi. Sin da prima della sua presentazione a settembre. E infatti Apple ha prorogato l’uscita al 3 novembre, ma la maggior parte degli utenti riuscirà ad avere tra le mani il nuovo melafonino solo nel 2018. Una domanda insistente, data dalla grande attesa per questo dispositivo, a cui i fornitori di Cupertino faticano a star dietro. Il Financial Times ne ha denunciato un «effetto collaterale». Sei studenti cinesi hanno raccontato al giornale britannico che sono stati forzati a lavorare illegalmente all’interno della catena di produzione di Foxconn, l’azienda taiwanese (ma la cui fabbrica si trova in Cina, a Zhengzhou) a cui si appoggia Apple.

La denuncia dei ragazzi

I sei ragazzi fanno parte di un gruppo di tremila studenti, tra i 17 e i 19 anni, che hanno accettato un tirocinio all’interno di Foxconn, periodo di «esperienza lavorativa» necessaria per il diploma. E, secondo i loro racconti, sarebbero stati obbligati a stare sulle catene di assemblaggio dell’iPhone X per 11 ore al giorno. Ma la legge cinese proibisce ore di straordinari durante gli stage: possono passare in fabbrica un massimo di 40 ore a settimana. Non solo: «Siamo stati forzati dalla nostra scuola ad andare lì», dichiara una diciottenne che ha assemblato fino a 1.200 fotocamere al giorno. «Ciò che facevano lì non aveva niente a che fare con i nostri studi». L’istituto, la Zhengzhou Urban Rail Transit School, non ha rilasciato nessun commento al Financial Times.

La risposta di Apple e Foxconn

Il giornale ha chiesto chiarimenti anche a Apple e Foxconn. Entrambi hanno dichiarato che prenderanno provvedimenti — Cupertino ha aperto un’indagine — riguardo alle giornate lavorative troppo lunghe, ma hanno anche aggiunto che gli studenti hanno scelto volontariamente di fare qui il proprio tirocinio, che sono stati retribuiti e che avevano diritto anche a benefit. Secondo un dipendente Foxconn, da molto tempo nella società, tutti gli anni vengono reclutati studenti durante i mesi intensi, da agosto a dicembre. Da centomila lavoratori, in questo periodo si passa a 300mila, che sono in grado di produrre 20mila iPhone al giorno. Ma questa volta, ha aggiunto, erano molti di più. Il programma di tirocinio, ha dichiarato Foxconn, è stabilito da un accordo con i governi vocali e le scuole professionali cinesi.

Corriere della Sera, Tecnologia, 21 nov. 2017

English article,The Guardian:

Apple under fire over reports students worked illegal overtime to build iPhone X

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.