Apple censura il Dalai Lama sugli iPhone venduti in Cina

Dopo Google e Yahoo!, anche la Apple cede alla censura cinese. La società di Cuppertino, attraverso la China Unicom che distribuisce nel Paese asiatico i modelli I-Phone del gruppo, ha di fatto bloccato l’acceso a cinque programmi software relativi al leader spirituale tibetano Dalai Lama e alla leader degli uiguri Rebiya Kadeer. Se quindi si cerca attraverso un I-Phone il programma sul ‘Dalai Lama”, in Cina il risultato è nulla, al contrario invece di quello che succede allo stesso apparecchio in un’altra parte del mondo.
REAZIONI – La scoperta della censura ha fatto andare su tutte le furie Reporter senza Frontiere, Rsf, che ha chiesto spiegazioni al colosso dell’informatica Usa: «Gli abbonati dell’I-Phone in Cina – si legge in una nota – hanno il diritto di sapere a che cosa non hanno accesso libero. Il gruppo americano si unisce ai al club delle imprese che applicano la censura nel Paese: una grande delusione da parte di un gruppo che ha basato la sua campagna pubblicitaria sul ‘pensa diverse’ e che si ritiene creativa». Il portavoce di Apple, Trudy Muller, ha risposto in una e-mail alla mancata vendita delle ‘application’ proibite: «Ci atteniamo alle leggi locali – ha affermato – e non tutte le application sono possibili in tutti i paesi».

Fonte: GuyFawkes, 2 gennaio 2010

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.