Leader tibetano: Vergogna per il Comitato Olimpico e i capi di governo a Pechino

Il direttore del Centro tibetano per i diritti umani e la democrazia critica il silenzio di Jacques Rogge sui diritti umani e chiede ai politici che partecipano alle Olimpia di di domandare a Hu Jintao la sorte di 5500 prigionieri tibetani.Si teme che dopo le Olimpiadi la repressione aumenterà Dharamsala – (AsiaNews). – “I diritti umani non sono migliorati in occasione dei Giochi. Questo è una vergogna per il Comitato olimpico internazionale e per la Cina”. Chi parla è Urgen Tenzin, direttore del Centro tibetano per i diritti umani e la democrazia (Tchrd) che prevede una “tragedia per i diritti umani” una volta che le Olimpiadi saranno concluse. Leggi l’articolo di Nirmala Carvalho su Asia News

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.