NEWS

Vendute in mogli per qualche dollaro. La tratta delle donne tra Corea del Nord e Cina

Le interviste di Associated Press rivelano il dramma di migliaia di donne. Migliaia, forse decine di migliaia di donne negli continua »

The Laogai Museum: il primo museo dedicato alle prigioni cinesi. [ foto e video]

Il  “Laogai Museum” si trovava tra la 20th street a la S street a Dupont Circle, a Washington DC. E’ continua »

CINA: donna “muore improvvisamente” in seguito alle continue molestie dei funzionari della pianificazione familiare

Una donna nella provincia cinese orientale di Jiangsu è deceduta durante un contenzioso per ottenere un risarcimento per il trattamento continua »

«Il Pcc vuole cancellare la religione dalla faccia della Terra»

He Lizhi è un ex prigioniero di coscienza del regime cinese, e attualmente vive una vita tranquilla in Canada. Ma continua »

10 Dicembre 2017: giornata mondiale dei diritti umani.

La Giornata mondiale dei diritti umani è una celebrazione sovranazionale che si tiene in tutto il mondo il 10 dicembre di tutti gli continua »

Il 5 dicembre, l’anniversario della morte di NELSON MANDELA.[video]

Doveroso per la Laogai Research Foundation Italia Onlus: “l’altra Cina: in ricordo di Harry Wu”, ricordare Nelson Mandela  un grande continua »

Tibet: un anziano monaco si autoimmola nella Contea di Kardze

 Un monaco di sessantatré anni si è dato fuoco a Dadho, Contea di Kardze, il 26 novembre, in segno di continua »

Cina: aborto forzato, le brutalità continuano.

In Cina le donne e i bambini, stanno ancora sopportando condizioni che vanno oltre ogni immaginazione. In questo momento ci continua »

CINA: sfratti, demolizioni e sgomberi, Pechino caccia i migranti e i poveri

Pechino – Se lo slogan scelto per le Olimpiadi del 2008 era «Pechino ti accoglie», oggi potrebbe essere «Pechino ti caccia». Questo continua »

Harry Wu, il Solgenitsyn cinese

Controrivoluzionario, cattolico, reazionario, revisionista: con queste etichette, con queste genericissime accuse, che ricordano le condanne giacobine della rivoluzione francese, e continua »

Dalai Lama : l’etica secolare unisce tutta l’umanità

Gentili amici vorrei riproporre un importante insegnamento del leader spirituale del popolo tibetano S. S. il Dalai Lama. Ho potuto continua »

I guai di Jamyang Kyi, libera intellettuale tibetana

Cantante e scrittrice femminista, Kyi è osteggiata a casa dai conservatori perché lotta contro le tradizioni più bieche. E perseguitata continua »

Cina, elettroshock e terapie riparative per i gay: il racconto dell’inferno

Nella Repubblica Popolare l’omosessualità è stata depenalizzata vent’anni fa, ma resta un forte stigma nella società cinese. L’Ong Human Rights continua »

Save the Children: “donne e bimbi stuprati e bruciati vivi in Birmania” [video CNN]

Le testimonianze strazianti dei bambini e delle donne Rohingya in fuga dal Myanmar (Birmania) nell’ultimo rapporto di Save the Children. continua »

Il cobalto nelle batterie e i diritti umani. Il cobalto della tecnologia nelle mani di una sola azienda, la Huayou Cobalt

Perché potrebbe essere estratto in Congo in condizioni inumane, anche da bambini. Amnesty International ha indagato la trasparenza di questa continua »

 

The Laogai Museum: il primo museo dedicato alle prigioni cinesi. [ foto e video]

Il  “Laogai Museum” si trovava tra la 20th street a la S street a Dupont Circle, a Washington DC. E’ stato aperto al pubblico nel Novembre del 2008 e successivamente ampliato. Fondato da Harry Wu, il noto attivista dei diritti umani morto in circostanze misteriose il 26 aprile del 2016. Lui stesso fu imprigionato in un laogai per 19 anni. Subito dopo la sua morte, il corpo fu immediatamente cremato e il museo chiuso.

Siamo tutti volontari… unisciti a noi!

Siamo alla ricerca di volontari che vogliano offrire un aiuto a questa fondazione che si impegna nel divulgare notizie sulla violazione dei diritti umani in Cina e non solo.

Ci rivolgiamo a tutte quelle persone che sono nelle condizioni di poter dedicare, gratuitamente, una piccola parte del tempo libero di cui dispongono.

Liu Xiaobo, una lettera della moglie all’estero; un murale nascosto dalla polizia a Shenzhe

Nella lettera-poema, Liu Xia, moglie del grande dissidente, confessa di “diventare pazza”. Da anni vive costretta all’isolamento senza poter incontrare nessuno. A Shenzhen il murale di un artista cino-francese ricorda la prigionia e il premio Nobel a Liu Xiaobo. L’autore e sua moglie sono sotto interrogatorio.

La Cina, con sempre più controllo sui media, ha incarcerato 41 giornalisti

Mentre nel 2017 vengono incarcerati un numero record di giornalisti in tutto il mondo, un gruppo per la libertà di stampa statunitense afferma che il Partito Comunista Cinese ha un totale di 41 giornalisti attualmente dietro le sbarre.

Costretta ad abortire in cella/ Prigionieri morti dati in pasto ai cani: la testimonianza

La terribile testimonianza di una donna nordcoreana fuggita e rimandata in patria per ben tre volte prima di riuscire a fuggire per sempre, ecco cosa ha detto alle Nazioni Unite.

Cina, Russia (e anche Italia): da dove vengono le armi dell’Isis

L’inchiesta di una ong britannica ha ricostruito la provenienza dell’arsenale in possesso dei jihadisti dello Stato Islamico in Iraq e Siria. Tra i Paesi anche Usa e Arabia Saudita.

CINA : giornalista catturato in 7 minuti. Era un test sulla videosorveglianza

Grazie alle telecamere di sorveglianza e al riconoscimento facciale, a Pechino tutti gli abitanti e i veicoli vengono registrati e seguiti negli spostamenti.

Milioni di persone chiedono di processare l’ex leader del Pcc Jiang Zemin

Una delle più importanti iniziative per la difesa dei diritti civili è in atto attualmente in tutto il mondo, con lo scopo di trarre in giudizio Jiang Zemin, l’ex capo del regime cinese, per i crimini commessi contro l’umanità. Fino all’otto dicembre scorso, più di due milioni e 600 mila persone di 31 Paesi avevano firmato una petizione, per chiedere agli organi giudiziari cinesi di citarlo in giudizio.

Msf: uccisi 6,700 Rohingya. Buddista del Rakhine: ‘Un’indignazione di parte’

Il 69% morto per colpi di arma da fuoco, il 9% per incendi dolosi, il 5% per pestaggi a morte. Tra le vittime anche 730 bambini di età inferiore ai cinque anni. Secondo la Croce Rossa, sono 300mila i Rohingya rimasti in Myanmar. Giovane buddista nativo del Rakhine: “La crisi trattata dai media in modo fazioso”.